Da Mimaki nuovo inchiostro flessibile

Mimaki presenta il nuovo esclusivo inchiostro Mimaki LUS-350, disponibile sul mercato a partire dall’estate 2016. Estremamente flessibile, è adatto a un’ampia…

Mimaki presenta il nuovo esclusivo inchiostro Mimaki LUS-350, disponibile sul mercato a partire dall’estate 2016. Estremamente flessibile, è adatto a un'ampia gamma di applicazioni di termoformatura, in particolar modo quelle che richiedono massima durezza e resistenza come nel caso dell’automotive. L’inchiostro Mimaki LUS-350 è compatibile con le stampanti Mimaki UJF-7151plus e JFX200-2513 e sarà disponibile in CMYK, bianco e in una speciale vernice trasparente.

"Questo nuovo inchiostro cambierà il modo di creare applicazioni di stampaggio a iniezione sottovuoto o termoformate," afferma Mike Horsten, General Manager Marketing EMEA di Mimaki Europe. "E porta in questo segmento di mercato i vantaggi del digitale, rispondendo all’esigenza di stampare oggetti in tempi rapidi e in piccoli lotti con qualità grafiche eccezionali. In precedenza, gli oggetti dovevano essere formati e le immagini applicate manualmente in un secondo tempo o in serigrafia, un processo costoso e che richiedeva tempi lunghi.
Oggi, le immagini possono essere applicate agli oggetti termoformati prima della formatura stessa utilizzando le stampanti digitali Mimaki con un inchiostro che non si crepa né danneggia durante il processo di modellazione a caldo. Mimaki LUS-350 garantirà meravigliose finiture per utilizzo in ambito automotive, mock-up, insegne stampate a iniezione, chioschi e molte altre applicazioni".

In particolare, una volta riscaldato tra 120°C e 200°C, l’inchiostro Mimaki LUS-350 si estenderà fino al 350%. Dopo il raffreddamento a temperatura ambiente, la rigidità dell'inchiostro si ripristina, aderendo saldamente al prodotto stampato senza formare crepe né staccarsi. In questo modo, l'inchiostro garantisce rigidità, resistenza ed elasticità per una vasta gamma di applicazioni con qualità di stampa senza compromessi. Le immagini vengono stampate su superfici piane utilizzando specifici software di imaging e poi modellate nella forma desiderata tramite sottovuoto, termoformatura o altre tecniche di stampaggio a iniezione.

Pubblica i tuoi commenti