Un anno di crescita per gli stampatori

Economy survey –

L’economy survey 4 di Fespa indica che gli stampatori si preparano a un anno di crescita: l’86% degli intervistati prevede una crescita delle proprie attività nel 2011. Metà degli intervistati si aspetta una crescita superiore al 10% mentre più del 17% prevede una crescita oltre il 25%

Metà degli intervistati ritiene che il mercato del grande formato si sia ripreso dalla crisi economica. In considerazione delle vendite del quarto trimestre del 2010, il 25% ha riscontrato che esse sono state migliori rispetto al 2009, il 19% ha dichiarato che sono andate meglio del previsto e il 39% ha ritenuto che sono andate come previsto.

L'Economy Survey, svolto per conto di FESPA dal suo partner di ricerca InfoTrends, è il quarto nel suo genere ad essere condotto da FESPA per conto della sua comunità globale del grande formato. In tutto il mondo, 432 intervistati hanno completato il sondaggio elettronico alla fine del 2010, di questi quasi metà rappresenta la comunità di fornitori di servizi e la restante metà comprende i produttori (22%) e dettaglianti (18%).
Tre quarti degli intervistati erano suddivisi in parti uguali tra Nord America ed Europa con la restante parte proveniente dai mercati in via di sviluppo dell'Asia, Medio Oriente, Africa e Sud America.
Secondo l'Economy Survey 4, la crescita di richiesta tra clienti di servizi di stampa ecosostenibile sta aumentando di pari passo con la diminuzione della preoccupazione per la situazione economica con il 45% degli intervistati che segnala un aumento di interesse per la stampa 'verde'.
Circa metà degli stampatori che hanno risposto all'Economy Survey ha già riorganizzato le proprie procedure di produzione grande formato per renderle più ecologiche. Per molti di loro ciò si è tradotto in un'attenzione maggiore nella scelta di supporti più ecologici (71%), in una migliorata gestione dei rifiuti (59%) e nel riciclo (47%). Il 59% ha anche affrontato la questione ambientale diminuendo l'utilizzo di solventi e investendo in prodotti UV, al lattice o ad acqua. Percentuali simili di stampatori intendono affrontare questi problemi nel futuro. Solo il 12% degli intervistati ha adottato fonti di energia alternativa, per quanto un ulteriore 13.5% prevede di fare lo stesso nel futuro. La comunità dei fornitori ha risposto di conseguenza, con il 72% dei produttori che afferma di avere sviluppato o introdotto prodotti a sostegno di una stampa più responsabile da un punto di vista ambientale.

Il sondaggio dimostra che gli stampatori stanno preparando le proprie aziende in vista della richiesta da parte dei clienti di una maggiore integrazione della stampa con i supporti di marketing digitali. Il 40% dichiara di avere riscontrato un aumento di richiesta del codice QR e di altri servizi di stampa di dati variabili, il 52% è attrezzato per soddisfare questa richiesta e i restanti non hanno questa possibilità.
Il 76% degli intervistati crede, o prevede, che l'insegnistica digitale avrà un impatto sulla grafica digitale di grande formato.
Come prevedibile, le applicazioni che si pensa possano essere le più influenzate dall'insegnistica digitale sono i retroilluminati (24%), i cartelloni (18%) e la grafica POP (13%). C'è stato un forte apprezzamento per la dichiarazione “La mia società sta studiando dei modi per partecipare alla promozione dell'insegnistica digitale.”

Pubblica i tuoi commenti