Dimenticare la crisi

grande formato –

Qualche anno fa, durante una riunione internazionale, mi vennero presentati i piani strategici di Océ per il mondo della stampa grafica di grande formato, la stampa diretta su materiale rigido

Il piano prevedeva un periodo di collaborazione in OEM con un produttore di sistemi di stampa ibrida (plotter a bobina con limitata possibilità di stampa su supporti rigidi) e successivamente il lancio di una nostra tecnologia chiamata in codice “Project Mesa”, per continuare a crescere nel settore.
Iniziammo le analisi di mercato, quasi tutte rivolte alla crescita dei volumi di pannelli, che allora venivano realizzati accoppiando vinile o altro a dei supporti rigidi.
Per qualche anno Océ ha venduto questi sistemi ibridi, sui quali stampatori digitali, qualche centro servizi e alcune serigrafie, hanno realizzato centinaia di lavori su pannello e su materiali in bobina.
Qualche anno dopo, arrivò finalmente il nuovo sistema flatbed UV di tecnologia Océ il cui nome sarebbe diventato Océ Arizona.
Ancora una volta, le analisi si concentrarono sui potenziali volumi di stampa di pannelli, e su come questo settore sarebbe stato in crescita, su questa applicazione, per gli anni a venire.
Iniziarono però a capitare cose curiose… Il nuovo sistema flatbed, un sistema con un reale tavolo piano aspirato e non più un ibrido, veniva acquistato anche da centri copie, fotolito, serigrafie e altre aziende, che certamente non facevano dei volumi su pannello il loro business principale. La forza vendita e la forza tecnica, quotidianamente in contatto con i clienti, ci raccontavano di storie di successo, di applicazioni non previste e in generale di buon umore intorno ai sistemi installati.
A questo punto abbiamo iniziato un’analisi più approfondita di tutto ciò che veniva realizzato con un sistema Arizona e il risultato fu sorprendente. Certo, la stampa di pannelli, pannellini e supporti in bobina era presente, ma al fianco di queste richieste i clienti si erano inventati applicazioni che noi per primi non prevedevamo: pubblicazione di libri in serie limitata su materiali speciali, oggetti, componenti d’arredamento, capi di abbigliamento, gadget di ogni tipo, idee artistiche e articoli di design. Ogni materiale che si potesse posizionare stabilmente sul tavolo, veniva utilizzato per inventare e realizzare applicazioni e in molti casi, erano i clienti delle stesse aziende che vedendo Arizona all’opera tornavano con richieste bizzarre, idee innovative, moltissime delle quali spesso realizzate con successo.
Ecco svelato il perché del buon umore dei nostri clienti e del successo di Arizona.
Un nostro cliente mi ha detto recentemente “più l’applicazione che realizzo è particolare, elaborata, unica e meno i miei clienti sono sensibili al prezzo. E tornano con altre richieste.” Ma la frase che più spesso i clienti ci ripetono quando chiediamo loro di descrivere Océ Arizona, è sempre la stessa “è come avere aperto una nuova Azienda nella mia Azienda”.
Oggi ci troviamo in un periodo difficile per l’economia e molto problematico per tutte le piccole aziende, ma sentirsi raccontare dai clienti che grazie a noi e ai nostri sistemi hanno trovato soluzioni per generare nuovo business e affrontare meglio le difficoltà, è una cosa che ci fa molto piacere.

Pubblica i tuoi commenti