Durst: è arrivata in Italia la piattaforma P5

Durst ha stupito i visitatori di Viscom presentando P5 per la prima volta in Italia. La piattaforma tecnologica, che comprende…

Durst ha stupito i visitatori di Viscom presentando P5 per la prima volta in Italia. La piattaforma tecnologica, che comprende un’esclusiva serie di stampanti di nuova generazione, è stata rappresentata allo stand Durst dai nuovi modelli ibridi P5 350 e P5 210, caratterizzati da qualità e flessibilità. Il motto lanciato a Fespa «From Pixel to Output» ha dominato l’elegante area espositiva Durst, esprimendo chiaramente la volontà dell’azienda di essere non solo specialista della stampa inkjet digitale, ma fornitore di soluzioni altamente integrate che mirano alla massima efficienza del flusso di lavoro.

Da qui il completamento dell’offerta con software proprietari per la gestione del flusso di lavoro, già integrati nella suite in dotazione alle due stampanti P5 presentate in fiera. L’inedita piattaforma tecnologica per la stampa inkjet P5 è contraddistinta da qualità paragonabile all’offset con dimensione di rilascio della goccia di soli 5 pcl. Grazie all’esclusiva opzione multiroll, è possibile caricare le bobine anche durante la stampa così da ridurre i tempi di impostazione e aumentare l’efficienza. P5 350/210 sono dotate di tecnologia UV/LED a basso consumo energetico, offrono qualità fino a 1200 dpi, l’opzione multi-track per la stampa di 6 pannelli in parallelo e in doppia fila lavorando in modalità roll-to-roll. Previste inoltre moderne funzionalità di assistenza tecnica da remoto, dal software di produzione modulare Durst Workflow e dal software di monitoraggio Durst Analytics per la manutenzione preventiva. Grazie all’analisi in tempo reale dei parametri dettagliati sui consumi e sullo stato della macchina, Durst garantisce un uptime costante e un totale controllo della produzione. Il tutto finalizzato ad assicurare un’unità automatizzata contraddistinta da massima produttività e affidabilità industriale.

Pubblica i tuoi commenti