Grandi dettagli

case history –

Zenesini Claudio & C. Snc sopravvive al rischio estinzione grazie alla legge di Darwin: non è il più forte o il più intelligente ad avere la meglio ma chi si adatta più velocemente al cambiamento… puntando sulla qualità e non sulla quantità

Vendevano santini e articoli da cartoleria, quando ancora in questo tipo di negozio si trovava di tutto: dai colori ai vetri, dai detersivi ai temperini. Ora la Zenesini.com di Zenesini Claudio & C. Snc di Goito, in provincia di Mantova, ha un sito di e-commerce che vanta una gamma da sedicimila articoli on line.
Su www.zenesini.com, aperto sei anni fa, si possono 'mettere nel carrello' prodotti per l'ufficio, carta cancelleria, archiviazione, informatica, oggettistica personale, arredamento e complementi, materiali per la comunicazione visiva, audio-video, telefonia e tanto altro. Prossimamente, perché in fase di rifiniture, verrà aperto un sito dedicato ad adesivi e affreschi murali, decorazioni per vetrine, quadri digitali, carta e tessuti da parati (adesivi e non), ricami, incisioni, pellicole decorative a controllo solare e privacy, piccola cartellonistica e coordinati aziendali e Interior Decoration.

Come si è evoluta la stampa digitale da quando l'approcciò per la prima volta ad oggi?
“Quando ho iniziato io - son passati più di trentacinque anni da allora - erano impensabili macchine che stampassero tinte metallo come quelle odierne. Inoltre, le prime costavano un sacco e si inceppavano spesso: tra acquisto e manuntenzione, si trattava di una spesa impegnativa. Poi i macchinari tecnologicamente si sono evoluti fino ad arrivare al digitale, l'offerta si è differenziata, i prezzi sono diventati più accessibili. Ora non ci sono richieste impossibili, il livello della tecnologia permette di trovare differenti soluzioni valide: se non ci arrivi da un lato ci arrivi dall'altro. Ogni tre-quattro anni cambiamo una macchina per cogliere nuove opportunità di lavoro. Ora abbiamo plotter Roland con inchiostri Ecosolvent, laminatrici, stampanti digitali di piccolo/medio formato, una ricamatrice, un incisore, due tagliarisme, delle presse…”

Vi ingrandite, a dispetto della crisi. Come?
“La nostra ditta è piccola ma formata da quattro persone molto ambiziose. Con la recessione conclamata progettare di espandersi è un po' un azzardo...ma è quello che abbiamo sempre fatto! Come dice Charles Darwin: non sopravvive il più forte o il più intelligente ma chi si adatta più velocemente al cambiamento. Entro la fine del 2013 ci trasferiremo in un nuovo stabile e questa è una sfida nella stessa ottica: il mercato richiederebbe di contrarre i costi, noi ci spostiamo di zona disposti a ricominciare, per implementare il parco clienti. Le idee nascono con loro ed è entusiasmante e stimolante vedere crescere un progetto di comune accordo. Ci interessa soprattutto curare quelli che abbiamo già: nel nuovo capannone creeremo uno spazio espositivo per far conoscere loro le possibilità delle nostre sperimentazioni su quanto offrono mercato e fornitori. Occupandoci di decorazioni automezzi e Interior decoration siamo piacevolmente costretti ad usare tutti i materiali possibili che il mercato offre. Ad ogni problema una soluzione adeguata. Ad esempio, proviamo tre-quattro aziende di prodotti, senza escluderne mai nessuna, fino a trovare il risultato finale migliore in assoluto per ciascun supporto e poi avere una soluzione in più, testata, da proporre al cliente. Ci aiuta anche la partneship con 3M, attiva da un anno, per noi è un ottimo biglietto da visita. Questo marchio è garanzia di sicurezza per i nostri interlocutori: quando parli di 3M parli di qualità”.

Quali nuovi bisogni e tendenze emergono dai seminari di aggiornamento di wrapping e Interior?
“Appare sempre più chiaro ciò di cui sono convinto da diversi anni: la nicchia di mercato è La risorsa. Non si può lavorare a tonnellate, meglio a grammi. Personalmente, tra l'altro, lo trovo appagante perché anche nelle piccole cose si riescono a fare bei lavori di dettaglio, rifiniture particolari che danno grandi soddisfazioni. Tra i nostri clienti ci sono piccole medie imprese, associazioni sportive, hotel, centri wellness, comunità religiose, negozi, bar, ristoranti, cantieri navali, banche, avvocati e architetti ma a noi non dispiace il discorso privato, dove non ci sono grandi numeri ma grandi dettagli…piccola media impresa e utente finale sono i target per i quali siamo strutturati e dimensionati, lo stimolo per andare avanti”.

Pubblica i tuoi commenti